Modulo creato da J!MatHome
Area riservata
Via della Guastalla, 8. Milano
Tel: 02 861145 - 02 877829 - 3666889683 -3666889681
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
Home Spazio aperto Biblioteca
Biblioteca
Il neofemminismo in Italia e in altri paesi - Capitolo XLII Stampa E-mail
In Italia le prime analisi di tipo femminista vengono dal gruppo DEMAU (Demistificazione Autoritarismo) nel 1966. Ma già nel 1959 Le italiane si confessano denunciava la situazione di assoluta dipendenza della donna e il profondo stato di disagio che ne derivava. Il libro suscitò allora molto scalpore, e anche un certo scandalo, perché la sua denuncia risultava direttamente da alcune centinaia di lettere scritte da donne di ogni età e condizione sociale, che “confessavano” le loro ansie e paure nei rapporti con l’altro sesso, i molti pregiudizi e ricatti subiti.
Leggi tutto...
 
I gruppi femministi francesi - Capitolo XLI Stampa E-mail
Esistono in Francia, e particolarmente a Parigi, i seguenti gruppi:
“Politica e psicanalisi”, che svolge soprattutto attività culturale attraverso la casa editrice; la libreria e il periodico Le quotidien des femmes.
“La spirale”, le cui aderenti si interessano in modo particolare all’espressione artistica, quindi organizzano mostre, scoprono nuove pittrici e le fanno conoscere.
Leggi tutto...
 
L’equivalente della lotta per il voto - Capitolo XL Stampa E-mail
La campagna per la depenalizzazione dell’aborto, condotta da tutti i movimenti femministi dei vari paesi, in Francia come in America, in Italia come in Svezia, può essere considerata l’equivalente della lotta condotta dal primo femminismo per ottenere il voto. Trattandosi di un problema che riguarda tutte le donne, a qualsiasi classe sociale appartengano, questa battaglia rappresenta un punto d’incontro fra i gruppi di diversa tendenza e un elemento catalizzatore anche per le non militanti. Ogni donna sente infatti come una violenza che le viene usata il non poter decidere liberamente se e quando mettere al mondo un figlio.
Leggi tutto...
 
Il movimento della donna in Francia - Capitolo XXXIX Stampa E-mail
Il nuovo femminismo arrivò in Francia sull’onda del famoso maggio 1968, quando, durante la rivolta studentesca, molte ragazze poterono “prendere la parola” nelle assemblee ed esprimersi liberamente per la prima volta. Però fu subito chiaro che le donne avevano molto meno peso degli uomini anche in quell’occasione. Cioè, mentre i ragazzi rappresentavano i cervelli e i porta-parola del Movimento studentesco, le loro colleghe erano relegate nel ruolo di ausiliarie, di esecutrici, di piccole segretarie della rivoluzione.
Leggi tutto...
 
Le streghe son tornate - Capitolo XXXVIII Stampa E-mail
Anche più radicale politicamente è il gruppo “Pane e rose”, che prende il nome da un’antica canzone operaia e richiede alle sue militanti un impegno totale. Invece più fantasioso e specificamente femminista, è WITCH, termine che vuol dire strega e che si compone con le iniziali di Women’s International Terrorist Conspiracy from Hell. Questo gruppo così si definisce liricamente nel suo manifesto: “WITCH è tutte le donne: è teatro, rivoluzione, magia, terrore, gioia.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 11