Modulo creato da J!MatHome
Area riservata
Via della Guastalla, 8. Milano
Tel: 02 861145 - 02 877829 - 3666889683 -3666889681
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
Home Spazio aperto Libri IL DONO DELLA DEA
IL DONO DELLA DEA Stampa E-mail

Neri Pozzi Editre

Recensione di Marina Mariani
dal libro di Radhika Jha

Al centro di questo romanzo corale ci sono i sogni le speranze e le delusioni di due giovani coppie, molto differenti tra loro. Laxmi e Ramu, Manoj Mishra e Pratima. Per entrambe, un matrimonio combinato intreccerà i destini in modo impalpabile ma significativo. Laxmi è una ragazza molto ostinata con grandi occhi scuri, naso corto e sottile, labbra piene, corpo sinuoso.

Quando si piega il suo corpo si incurva dolcemente e si arrotola nei punti giusti mentre i suoi neri folti capelli si nuovono come una nidiata di serpenti. Laxmi serba nel profondo del cuore il sogno di suo padre: far fruttare i suoi miseri quattro ettari di terra come se fossero dieci utilizando le nuove tecnologie agricole. Sogno che lo porterà al suicidio. Ramu è lo “scemo” del villaggio di Nandgaon situato nel cuore della foresta. Vive in un misero edificio con un tetto di paglia, con un uscio di legno scheggiato, consunto senza finestre e una tenda rattoppata all'entrata.

In un giorno di cielo cupo e di vento, Ramu torna con una strana creatura con un orecchio lacero, priva di un pezzo di pelle: una vacca “un dono della dea” per loro che non hanno niente. La vacca con un manto a dadi metterà in moto cambiamenti fondamentali per la comunità nella quale Laxmi si trova a vivere dopo il matrimonio con Ramu ma anche per Manoj Mishra e Pratima.

Prendono così forma una incredibile varietà di personaggi e animali “deificati”: Darbari il barbiere intelligente e arguto, Jaiwant Rame, il maestro di scuola con mani e piedi troppo grossi per il suo minuscolo corpo; il bramino Sarawati Rame, con alito troppo pesante, nonostante la dieta vegetariana, Bicchu incorreggibile giocatore d'azzardo, la Kamdhemu (la vitella nata dal “dono della dea”) e Gopal Mundkur il capovillaggio che ogni giorno canta il più antco mantra in onore del'Uno.

Miti, intuito, passioni,amori, economia, tecniche scietifiche e catastrofi naturali danno voce a due volti dell'India attuale: quella rurale e quella che ormai si sente parte integrante del nuovo sviluppo economico globale.

Letture che affrontano da angolature differenti il medesimo tema

  • Vandana Shiva Monoculture della mente:biodiverstà, biotecnologia e agricultura scentifica,Bollati Boringhieri, Torino 1995;

  • Vandana Shiva Vacche sacre e mucche pazze. Il furto delle riserve alimentari globali, DriveApprodi, Roma 2001

Romanzi che affrontano tematiche simili:

  1. Mahashwata Devi La preda e altri racconti, Einaudi 2004 251p. 13 Euro

  2. Amitav Ghosh Il paese delle maree Editore Neri Pozza Neri Pozza Editre, Vicenza- 2005, 459 pagine, 17,50

  3. Arundhati Roy Quando arrivano le cavalette, Edizioni Guanda, 2009, 175 p. 13 Euro