Modulo creato da J!MatHome
Area riservata
Via della Guastalla, 8. Milano
Tel: 02 861145 - 02 877829 - 3666889683 -3666889681
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
Persepolis Stampa E-mail

persepolisRecensione di Gabriella Parca

Definire Persepolis un cartone animato è fuorviante, perché fa pensare ad una fiaba per bambini raccontata con disegni molto colorati. Invece è tutt’altra cosa: è un film d’animazione in bianco e nero, molto raffinato, più adatto al gusto degli adulti che a quello dei ragazzi. E coinvolgente non meno che se fosse interpretato da veri attori. Infatti è un film autobiografico, in cui la regista iraniana, Marjane Satrapi, racconta attraverso la sua storia personale anche quella dell’ultimo quarto di secolo dell’Iran.






Marjane ha la fortuna di nascere a Teheran (Persepolis) in una famiglia ricca e progressista. Un suo zio, avvocato, giudicato un pericoloso sovversivo dal regime dello Scià, è in prigione da anni e lei bambina ha una grande ammirazione per lui, che a sua volta ha un grande affetto per lei. Cade lo Scià, grazie alla rivolta popolare, e si insedia l’Ayatollah Komeini, ma ad una dittatura ne succede un’altra. Poi c’è la lunga guerra con l’Iraq, che provoca un milione di morti e fame e miseria…
Preoccupata per l’incolumità di Marjane e per sottrarla a tanti disagi, la sua famiglia a 14 anni la spedisce a Vienna, presso un’amica della madre. Qui la ragazza studia, ma ha anche esperienze negative, non ultima la droga. Così dopo qualche anno decide di tornare a casa.

persepolis2.jpg Ma anche a guerra terminata, la vita non è facile per una donna sotto il regime islamico, è quella di una prigioniera. E Marjane tenta di creare una “resistenza femminile”, ma amiche e conoscenti preferiscono adattarsi piuttosto che ribellarsi. Così si ritrova sola, poiché non è certo dagli uomini che può venirle solidarietà e aiuto. Naturalmente anche la sua vita sentimentale è un fallimento, con queste premesse. E alla fine, come nella realtà della regista, la protagonista si rifugia in Francia dove può essere finalmente se stessa.
Il film ha avuto molti riconoscimenti del tutto meritati, perché è ricco di poesia e di coraggio. Da ricordare in particolare il premio della Giuria all’ultimo Festival di Cannes, e la candidatura all’Oscar 2008 come miglior film d’animazione.