Modulo creato da J!MatHome
Area riservata
Via della Guastalla, 8. Milano
Tel: 02 861145 - 02 877829 - 3666889683 -3666889681
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
  • CPD
Home
ESTASI CULINARIE Stampa E-mail

Tascabili edizione e/0 Ristampa marzo 2011-10-27  € 9,00
Recensione di Marina Mariani dal libro di Muriel Barbery - Traduzione di Emanuelle Caillat e Cinzia Poli

E’ un viaggio nei sapori dell’esistenza e del cibo quotidiano e non, che attraversa ogni essere umano stimolando a scelte che si presentanto, solo in apparenza,  con l’abito della razionalità ma che negli interstizi del nostro essere acquistano differenti sapori e umori. L’antico tema che accosta alla morte il cibo, come affermazione piena di una volontà, è qui trattato con impareggiabile leggiadria.

Attraverso una scrittura che diventa passione, l'autrice  descrive le sensazioni che suscita  il fantastico trasparire della  fine arte del saper selezionare, attraverso il gusto, i sapori che maggiormente sono per noi fonte di piacere.

Mediante la scelta narrativa di consentire a ciascuna voce narrante di esprimere il proprio punto di vista e la propria voce, viene costruita una narrazione corale  che ripercorre la carriera di monsierur  Arthens, il più grande critico gastronomico dei mondo. Un despota cinico ed egocentrico che decide  le sorti degli chef più prestigiosi. La carriera di monsierur Arthens è ricostruita dall’infanzia ai fasti della maturità, attraverso la celebrazione di piatti poveri e d’ “haute cusine”. Una diuturna ricerca del sapore dell’eccellenza quello che monsieur vorrebbe assaggiare di nuovo prima del trapasso.

Eh, si perché in modo inaspettato Arthens si trova sul letto di morte a cercare quel sapore primordiale che diede inizio alla sua passione di vita. Veniamo a sapere quasi subito che la causa non è collegata alle le sue passioni culinarie ma accidentale. Ogni stanza è un luogo e un contrappunto di voci narranti: dei familiari, dell’amante, dell’allievo, del gatto e della portinaia Renèe. Tutte daranno voce alle “verità” che loro sentono, pensando di possedere l’uomo Arthens.

In questa non prevista ricerca l’uomo Arthens sembra ispirare solo sentimenti estremi, che vanno dall’amore incondizionato all’odio feroce, toccando anche accenti di terrore. Una scrittura che in modo fresco e giocoso sa dare voce anche al sapore e al gusto e in sé consentono all’autrice d’affrontare con ironia il tema del “piacere brutale, senza compromessi, che parte dal centro di noi stessi, bada solo al nostro godimento e alla fine ritorna da dove è partito.”